News

13-08-2014

Corsi di formazione "DINAMIX"

Corsi di formazione DINAMIX, Settembre - Dicembre 2014. 

Leggi

18-02-2014

Corso di formazione "DIATERMIA" 15 MARZO 2014 PADOVA

Corso di formazione Diatermia e Riabilitazione: nuove metodologie di intervento riabilitat...

Leggi

01-08-2013

Corso di formazione "KINESIODIATER" 26 OTTOBRE 2013

Corso di formazione Kinesiodiater, 26 ottobre 2013 a Padova. 

Leggi

29-07-2013

Corso di formazione "VIBRA" 28 SETTEMBRE 2013

Corso di formazione Vibra, 28 settembre 2013 a Bergamo... 

Leggi

15-04-2013

Corso di formazione"VIBRA" 4 MAGGIO 2013

Corso di formazione Vibra, 4 maggio 2013 a Padova... 

Leggi

27-01-2013

Corso di formazione "KINESIODIATER"

Corso di formazione Kinesiodiater, 16 febbraio 2013 a Padova. 

Leggi

05-11-2012

Corso di formazione "VIBRA"

Corso di formazione Vibra, 10 novembre 2012 a Padova... 

Leggi

Installazione ed uso

Al momento della consegna dell’apparecchiatura, una volta accertata la presenza di tutto il materiale e la documentazione necessaria, occorre osservare scrupolosamente le indicazioni del fabbricante per l’installazione; solo quando questa sarà completata sarà possibile eseguire il collaudo con le prove e verifiche di accettazione. L’installazione, salvo casi di ovvia semplicità, deve essere condotto da personale adeguatamente qualificato; anche un apparecchio apparentemente semplice, con alimentazione attraverso collegamento a spina, può richiedere particolari precauzioni, ad esempio per la realizzazione dell’equipotenzialità delle masse, o per il mantenimento di distanze di sicurezza per problemi di compatibilità elettromagnetica.

La messa in uso dell’apparecchio può avvenire solo dopo esito positivo delle verifiche di accettazione, in genere costituite da una verifica funzionale e dalle misure dei parametri di sicurezza elettrica (corrente di dispersione, resistenza del conduttore di protezione, resistenza di isolamento) secondo la norma CEI 62-148 (IEC 62353).

L’apparecchio, una volta accettato, viene inserito nel registro delle apparecchiature nel quale devono essere riportate le informazioni anagrafiche, tecniche, il fornitore, la data di messa in servizio, il reparto e luogo di destinazione. Per ogni apparecchio dovrebbe essere predisposta una scheda di gestione con indicate, oltre alle informazioni indicate sopra, la frequenza delle operazioni di manutenzione e verifica, e la registrazione di tali operazioni, corredate dalle informazioni tecniche sulla tipologia degli interventi e sui dati relativi ai costi di gestione.

Per un più agevole trattamento ed aggiornamento di tutti I dati può essere conveniente utilizzare un archivio in formato elettronico (es. su supporto Access) in modo da poter rendere le informazioni disponibili in forma aggregata, per l’interno parco macchine, ed in forma disaggregata per singola tipologia di apparecchiatura, reparto, centro di costo, produttore.

Nell’uso dell’apparecchiatura dovranno essere osservate le istruzioni e le limitazioni d’uso indicate dal fabbricante; per favorire questo, oltre ad una specifica formazione ed istruzione del personale addetto da parte del fabbricante o dei responsabili, dovrà essere conservata una copia del manuale d’uso in prossimità dell’apparecchio (oltre all’originale che si consiglia di conservare in archivio); in particolari condizioni le istruzioni d’uso devono essere integrate da procedure ed istruzioni operative che traducano quanto indicato dal fabbricante in regole applicative calate nella reale pratica applicativa.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.